Stampa  
Codice:  
Course code:
6383
Anno accademico:
Academic year:
2005-2006
Titolo del corso:
Course title:
DIRITTO REGIONALE
Italian Regional Law
Modulo:  
Module:
Unico
Docente 1:
Teacher 1:
Prof. Silvio Troilo - Prof. Angelo Maestroni
Ruolo Docente 1:
Teacher 1:
Modalità 1:
Type 1:
Convenzionale
Settore scientifico-disciplinare:
Reference sector:
IUS/09 Istituzioni di diritto pubblico
Anno di corso:
Year of degree course:
secondo del CLS in GIU - secondo o terzo del CL in OGI
First year post-graduate in Law; third year OGI undergraduate course
Facoltà:
Faculty:
Giurisprudenza
Modalità di frequenza:
Type:
Non obbligatoria
Semestre:
Semester:
1
Sottoperiodo:
Sub period:
Numero totale di crediti:
Total credits:
6.0
Carico di lavoro
Workload
Attività frontale:
Lectures:
48.0
Esercitazioni:
Applied activities:
0.0
Studio individuale:
Individual work:
102.0
Attività didattica a piccoli gruppi:
Group work:
0.0
Seminari:
Seminars:
0.0
Laboratori:
Laboratories:
0.0
TOTALE (voci sopra-elencate):
TOTAL:
150.0
Ore di lezione settimanali:
6.0
Prerequisiti:
Prerequisites:
Si richiede la conoscenza del diritto pubblico generale (i cui lineamenti sono stati trattati nel corso di "Istituzioni di diritto pubblico" della laurea triennale)
Knowledge of general public law (main topics are coverec in the Public law course of the 3-year degree programme)
Obiettivi formativi:
Educational goals:
a) analizzare le caratteristiche ed il ruolo delle Regioni nell’ambito dell’ordinamento italiano, individuando le linee di tendenza del processo di riforma istituzionale in atto; b) delineare l'assetto organizzativo e funzionale delle Regioni, nonché i loro rapporti con gli enti locali, con lo Stato e con l'Unione Europea; c) consentire l'applicazione degli strumenti fondamentali della metodologia costituzionalistica all’ordinamento delle Regioni; d) sollecitare la capacità di approfondimento e di autonoma riflessione critica. A tal fine verranno analizzate sia le fonti normative, sia le più significative sentenze della Corte costituzionale.
a) analyse the characteristics and role of the Regions in the Italian legal structure, identifying the trends of the current process of reform; b) outline the organisational and functional order of the regions, as well as their relations with local authorities, the State and the EU; c) allow the application of the basic tools of constitutional methodology to the Regions' legal structure; d) encourage in-depth study and independent critical thought. To this end legal sources and important findings of the Constitutional Court will both be analysed.
Contenuto del corso:
Course contents:
a) l'evoluzione storica del regionalismo italiano dal testo costituzionale del 1948 alla sua revisione del 2001; b) la formazione e la natura giuridica delle Regioni; c) le fonti del diritto regionale; d) gli statuti e l’organizzazione interna delle Regioni; e) le funzioni regionali: in particolare la funzione legislativa (i diversi tipi di potestà legislativa regionale; i limiti all’esercizio della potestà legislativa regionale; il procedimento legislativo regionale) e quella amministrativa; f) il “potere estero” delle Regioni e i rapporti tra le Regioni e l’Unione europea; g) i nodi irrisolti e la proposta di “devoluzione”.
a) Historical evolution of Italian regionalism from the signing of the Constitution in 1948 to the revision of 2001; b)the formation and judiciary status of the Regions. c) Origins of Regional law. Regional functions. d) Statutes and internal organisation of the Regions e) functions of the Regions: especially legislation (different types of regional legislative power; limits to the exercising of regional legislative power: regional legislative procedure) and administration f) "foreign power" of the Regions and relations between the Regions and the EU g) statute approval procedures since the 1999 revision of the Constitution. g) unresolved difficultires and the proposal of "devolution"
Testo di riferimento 1:
Course text 1:
S. BARTOLE, R. BIN, G. FALCON, R. TOSI, "Diritto regionale", Il Mulino, Bologna, 2° edizione, 2005. (pagine/pages: 250)
Testo di riferimento 2:
Course text 2:
Ai fini dell’esame è indispensabile la conoscenza dei testi normativi e delle pronunce giurisprudenziali più importanti della materia (si veda l'elenco affisso fuori dell'ufficio 206), riuniti nella "Raccolta normativa di diritto regionale", a cura di S. Troilo, Centro Stampa dell'Università di Bergamo, 2005
Metodi didattici:
Teaching activities:
lezione frontale + esercitazioni
Lectures, practical activities
Struttura della verifica del profitto:
Assessment:
orale
oral
Descrizione verifica del profitto:
Lingua di insegnamento:
Teaching language:
italiano
Italian
Altre informazioni:
Other information:
Ai frequentanti sarà proposta la partecipazione ad attività seminariali, relative in particolare all’ordinamento della Regione Lombardia, che potranno contribuire alla valutazione finale. L'insegnamento può essere prescelto, nell'ambito dei crediti a scelta libera, da studenti iscritti a qualunque anno del Corso di laurea triennale in Operatore giuridico d'impresa (ad eccezione del primo) e del Corso di laurea specialistica in Giurisprudenza.
Attending students will have the option of attending seminars, based mainly on the structure of the Lombardy Region. Participation at these seminars will count towards the final exam mark.
 
Stampa