Stampa  
Codice:  
Course code:
60006
Anno accademico:
Academic year:
2005-2006
Titolo del corso:
Course title:
Restauro architettonico
Architectural Restoration
Modulo:  
Module:
Unico
Docente 1:
Teacher 1:
Prof. Scarrocchia Sandro
Ruolo Docente 1:
Teacher 1:
Modalità 1:
Type 1:
Convenzionale
Settore scientifico-disciplinare:
Reference sector:
ICAR/19 Restauro
Anno di corso:
Year of degree course:
primo
First
Facoltà:
Faculty:
Ingegneria
Modalità di frequenza:
Type:
Non obbligatoria
Semestre:
Semester:
1
Sottoperiodo:
Sub period:
Numero totale di crediti:
Total credits:
5.0
Carico di lavoro
Workload
Attività frontale:
Lectures:
40.0
Esercitazioni:
Applied activities:
8.0
Studio individuale:
Individual work:
0.0
Attività didattica a piccoli gruppi:
Group work:
0.0
Seminari:
Seminars:
0.0
Laboratori:
Laboratories:
0.0
TOTALE (voci sopra-elencate):
TOTAL:
48.0
Ore di lezione settimanali:
4.0
Prerequisiti:
Prerequisites:
Obiettivi formativi:
Educational goals:
L’accento è posto sulla formulazione del progetto di restauro architettonico e, all’interno di questo, sulla “terra di nessuno” interposta tra l’analisi conoscitiva (in tutte le sue molteplici, complesse articolazioni) e il progetto vero e proprio.
Emphasis is placed on the formulation of an architectural restoration project and, within this, the "no-man's land" between cognitive analysis (in all its many, complex forms) and the project itself.
Contenuto del corso:
Course contents:
Il progetto di restauro architettonico, inteso come relativamente autonomo e indispensabile strumento tecnico del processo di conservazione e dei suoi procedimenti, è dotato anche di irriducibili valenze estetiche ed artistiche, oltre che tecniche e scientifiche; di conseguenza, non è riducibile a consequenziale conclusione, per quanto raffinata, dell’analisi e delle sue tecniche, ma neppure a palinsesto, per quanto complesso, di tecniche di intervento. In particolare, si esaminerà la teoria dei valori di Riegl e la sua applicablità nella fase progettuale, come arricchimento dello strumentario disciplinare. Oltre ad alcune lezioni introduttive a carattere istituzionale dedicate alla storia e ai fondamenti disciplinari (quali ad es. il restauro architettonico secondo Gustavo Giovannoni e Bergamo Alta di Luigi Angelini; restauro e conservazione dal Testo Unico al Codice dei Beni Culturali; restauro di strutture edilizie continue e discontinue), il corso prevede l’esame di alcuni casi emblematici, veri e propri laboratori, della cultura e della metodologia del progetto di restauro in diverse fasi della sua storia. In particolare: il Palazzo di Diocleziano e del centro storico di Spalato; “Bologna centro storico”; il progetto per l’isola dei musei a Berlino e il restauro del Nues Museum/Museo Egizio. Sulla fondamentale teoria riegliana è previsto un seminario non retoricamente celebrativo del centenario.
The building restoration project, understood as a relatively autonomous and indispensible tool for conservation and its procedures, has undeniable aesthetic and artistic as well as technical and scientific importance. As a consequence, it cannot be reduced to a consequential conclusion, no matter how refined, of analysis and its techniques. Nor can it be reduced to a palimpsest of working techniques, no matter how complex this may be. Special emphasis will be placed on Riegl's theory of values and its possible applications in the planning stage in order to enrich the range of tools used in the discipline. After some introductory lessons on the history and foundations of the discipline (e.g. architectural restoration according to Gustavo Giovannoni and Bergamo Alta by Luigi Angelini; restoration and conservation from the 'Testo Unico' to the Cultural Heritage Code; restoration of continuous and discontinuous structures), some case studies will be examined that are emblematic of the culture and methods of restoration projects in various phases of its history. In particular: Diocletian's Palace and the historical centre of Split; Bologna's historical centre; Berlin's museum island project and the restoration of the Nues Museum/Egyptian Museum. A seminar will be held to non-rhetorically celebrate the centenary of Riegl's fundamental theory.
Testo di riferimento 1:
Course text 1:
P. Sanpaolesi, Discorso sulla metodologia generale del restauro dei monumenti, EDAM, Firenze 1977 (1° ed. 1973, ristampato);
Testo di riferimento 2:
Course text 2:
Alois Riegl, Teoria e prassi della conservazione dei monumenti. Antologia di scritti, discorsi, rapporti(1898-1905) con una scelta di saggi critici, a cura di S. Scarrocchia, Gedit, Bologna, 2003;
Testo di riferimento 3:
Course text 3:
“Architettura 11”, collana della Facoltà di architetettura dell’Università di Bologna-Sede di Cesena, Cesena, Il vicolo 2004 (in particolare gli interventi relativi alla Sezione Laboratorio di restauro architettonico B, pp. 114-133);
Testo di riferimento 4:
Course text 4:
S. Scarrocchia, a cura di, Il progetto ponderato, Gedit, Bologna (in preparazione);
Testo di riferimento 5:
Course text 5:
C. Lussana, a cura di, Dalmine dall’impresa alla città, “Quaderni della Fondazione Dalmine”, n. 3, 2003.
Metodi didattici:
Teaching activities:
lezioni del docente e comunicazioni di ogni allievo; discussioni singole, collegiali e seminariali dei temi
Lessons, contributions from all students, individual and group discussions
Struttura della verifica del profitto:
Assessment:
scritto + orale
written + oral
Descrizione verifica del profitto:
Lingua di insegnamento:
Teaching language:
italiano
Italian
Altre informazioni:
Other information:
 
Stampa