Stampa  
Codice:  
Course code:
24119
Anno accademico:
Academic year:
2009-2010
Titolo del corso:
Course title:
Letteratura Francese A
Modulo:  
Module:
1 - Letteratura Francese A
Docente 1:
Teacher 1:
FRANCHI Franca
Ruolo Docente 1:
Teacher 1:
Professori Ordinari
Modalità 1:
Type 1:
Convenzionale
Settore scientifico-disciplinare:
Reference sector:
L-LIN/03 Letteratura francese
Anno di corso:
Year of degree course:
Secondo quanto indicato nei piani di studio
Facoltà:
Faculty:
Scienze Umanistiche
Modalità di frequenza:
Type:
Non obbligatoria
Semestre:
Semester:
1
Sottoperiodo:
Sub period:
Numero totale di crediti:
Total credits:
5.0
Carico di lavoro
Workload
Attività frontale:
Lectures:
30.0
Esercitazioni:
Applied activities:
0.0
Studio individuale:
Individual work:
95.0
Attività didattica a piccoli gruppi:
Group work:
0.0
Seminari:
Seminars:
0.0
Laboratori:
Laboratories:
0.0
TOTALE (voci sopra-elencate):
TOTAL:
125.0
Ore di lezione settimanali:
3.0
Prerequisiti:
Prerequisites:
Nessuno
Obiettivi formativi:
Educational goals:
Considerare il Novecento francese a partire dall'analisi dei rapporti che intrattengono testo narrativo, cultura visiva e realtà storica
Contenuto del corso:
Course contents:
DOCUMENTS, Una rivista eterodossa Fondata dal mercante d'arte Georges Wildenstein e diretta da Georges Bataille, la rivista Documents rappresentò, nel breve arco della sua esistenza (1929-1930), uno straordinario momento di ripensamento, non solo della nozione tradizionale di arte, ma anche di quella di avanguardia, le cui ripercussioni sono tuttora attuali. Punto nodale della rivista è il ruolo pilota riservato da Bataille alle scienze umane. In particolare l'etnologia, rifondata sotto l'impulso di Durkheim e di Mauss, viene posta al centro del lavoro di 'smontaggio teorico' messo in atto dai collaboratori. Vi partecipano i maggiori etnologi del tempo: Carl Einstein, autore della prima opera consacrata all'art nègre, André Schaeffner, Michel Leiris, Marcel Griaule, Lévi-Strauss, presente sotto lo pseudonimo di Paul Monnet, oltre a Paul Rivet e a Georges-Henri Rivière, vicedirettore del Musée d'ethnographie del Trocadéro. In opposizione, da un lato, all'estetismo accademico, dall'altro al surrealismo, Bataille fece di Documents il banco di prova della sua filosofia aggressivamente anti-idealistica. Un altro aspetto innovativo fu l'impiego trasgressivo della fotografia (Jacques-André Boiffard; Eli Lotar) e dell'immagine cinematografica (Eisenstein), impiego volto a scardinare la nozione di antropomorfismo. La rivista fu naturalmente un luogo di fermenti da cui emersero artisti ancora poco conosciuti (Giacometti, Gaston-Louis Roux) o in cui furono riabilitati o scoperti artisti del passato (Antoine Caron).
Testo di riferimento 1:
Course text 1:
G. Bataille, Documents, Bari, Dedalo, 1974.
Testo di riferimento 2:
Course text 2:
P. Dècina Lombardi, Surrealismo 1919-1969. Ribellione e immaginazione, Milano, Mondadori, 2007.
Metodi didattici:
Teaching activities:
Lezioni frontali, proiezione di immagini.
Struttura della verifica del profitto:
Assessment:
orale
oral
Descrizione verifica del profitto:
Prova orale sugli argomenti svolti durante il corso. Agli studenti frequentanti verrà data la possibilità di iscriversi ad una prova scritta che, se superata, risulterà sostitutiva del colloquio oral
Lingua di insegnamento:
Teaching language:
italiano
Altre informazioni:
Other information:
 
Stampa